sabato 28 dicembre 2013

Tre per una sera

Raffaele Vasquez ritratto da Marco Perulli
Secondo appuntamento, sabato 28 dicembre, dalle 19.30, con Le Mani e l’Ascolto consuetudine - dell'Associazione Culturale Fondo Verri Presidio del Libro di Lecce -  nel cartellone che l’Amministrazione Comunale di Lecce stila e promuove per le festività del Natale e del Capodanno.  L'edizione 2013-2014 guarda in particolare alla scena degli autori e dei catautautori salentini, alla canzone, nuova frontiera della prolifica scena musicale nostrana - senza escludere la musica classica e la ricerca. Il primo cantautore ospite sarà il “curioso, eclettico, romantico, elegante” Raffaele Vasquez che presenta “Me”.

La copertina del libro di Walter Spennato edito da Besa

Con lui due autori. Walter Spennato con il suo libro “Quanto mi dai se ti uccido?” edito da Besa una beffarda immersione nella “banalità della cronaca che ripete assassini e crimini efferati, e te li racconta come si parlasse della lista della spesa. Il libro è corredato da illustrazioni a colori realizzati appositamente da Laurina Paperina, la prefazione è stata affidata alla nota attrice Anna Mazzamauro. 


La copertina di Filastre edito da Lupo
L'altro ospite è il regista Gianni De Blasi al suo esordio letterario con “Filastre”, cantilene e parolacce scritte in bianco e nero dall'autore ed illustrate a colori “per un libro che si gira leggendolo” dall'artista Francesco Cuna. A Martano si presenta "Filastre" esordio letterario del regista Gianni De Blasi
"Scrivo filastre - racconta Gianni De Blasi - da circa dieci anni, ce ne sono molte infatti che ho scelto di tenere fuori. Le scrivo da quando in una situazione di smarrimento interiore ho iniziato a pensare ad alcune situazioni negative in rima. Fare questo mi faceva star meglio, mi rendeva tutto un po’ più chiaro e più lieve".

Potrebbe interessarti: http://www.lecceprima.it/eventi/cultura/filastre-gianni-de-blasi-martano.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/LeccePrimait/112352998793334

Nessun commento:

Posta un commento